Mamme e yoga: cosa accade al 120imo giorno di gravidanza

Uno dei ricordi più belli che avrò di questa gravidanza saranno le ore passate al corso di yoga. Per questo vorrei parlarne un po’ qui sopra, con la speranza di incuriosire e informare altre future mamme.

Oltre a imparare diverse tecniche di respirazione, sempre utili durante il parto, a quanto mi dicono, il corso mi ha aiutato a capire quello che tava succedendo al mio corpo, alla mia vita, confrontandomi con le altre mamme e grazie ad un’ottima insegnante. Solitamente si inizia a frequentarne uno a partire dal 4 mese di gravidanza e così ho fatto. Ero una delle panciotte più piccole, all’epoca, anzi, non avevo neanche raggiunto il famoso traguardo dei 120 giorni. Secondo il Kundaili Yoga infatti (praticato nella scuola che frequento), solo dopo il 120 giorno di gravidanza l’anima del bambino si “impianta” stabilmente nel corpo del bimbo e quindi della madre, che in qualche modo diventa cosí davvero madre, in modo ufficiale. Prima di quella data, infatti, l’anima del bimbo va e viene, è incostante, subisce troppo le altre influenze della terra. Questo per dirla a parole mie, insomma, per farla semplice. La mia insegnante ve la metterebbe in una maniera molto più elegante e completa forse! Peró posso usare le parole di Gurmukh Kaur Khalsa, che nel suo Bountiful, Beautiful,  Blissful  spiega meglio di cosa si tratta e perché tradizionalmente nel Kundaili Yoga è un traguardo che va festeggiato (come io stessa ho fatto con le altre mamme del mio corso). 

Secondo una tradizione molto antica, l’anima arriva 120 giorni dopo il concepimento, dunque nel quarto mese di gravidanza, all’inizio del secondo trimestre. Prima della fine del primo trimestre, il feto che dovrebbe supportare questa anima non è ancora fortificato e l’anima subisce le influenze del mondo intorno. 

Quando l’anima entra nel corpo, il subconscio del bambino inizia a svilupparsi e assorbe una moltitudine di messaggi, come fa una spugna con l’acqua. Solitamente sono gli amici e la famiglia della madre ad organizzare la celebrazione di questo evento, preparando cibo delizioso, composizioni floreali, candele e chiamando gli altri membri della comunità. Questi porteranno regali in onore della madre e leggeranno poesie e lettere per lei, mentre verrà servito buon cibo. Tutti pregheranno per il suo benessere mentale, fisico e spirituale, così che la donna possa essere abbastanza forte da trasmettere queste qualità al suo bambino. 

Anche io, come dicevo, ho festeggiato. Per qualunque mamma fosse interessata e fosse di Roma, ho frequentato il corso presso il Centro Yoga Jap, in zona Aurelia. Non abbiamo festeggiato nella maniera sfarzosa indicata da Gurmukh ma le mie compagne di corso si sono sedute in cerchio intorno a me e mi hanno dedicato alcuni mantra. Come sottofondo abbiamo scelto per questa meditazione una canzone che ora, per me, è diventata la canzone mia e del mio bambino. Ogni tanto gliela faccio ascoltare nella pancia oppure la canto per lui. Sono sicura che altre mamme la troveranno adatta per il proprio piccolo o la propria piccola. In più, essendo molto rilassante, può servire come rimedio contro gli attacchi ormonali e gli sbalzi d’umore, care mie 😉

L’oceano non rifiuta nessun fiume, così il cuore aperto non rifiuta nessuna parte di me, nessuna parte di te…




5 thoughts on “Mamme e yoga: cosa accade al 120imo giorno di gravidanza

  1. grazie per la canzone è bellissima!
    La farò ascoltare anche al mio gamberetto 🙂
    Ieri sera abbiamo iniziato con mio marito un corso importantissimo sull'essere genitori tenuto appunto da una bravissima insegnante di yoga e la differenza è abissale.
    Buon viaggio

    Mi piace

  2. Avete fatto benissimo! Io oggi ho mio marito invece l'ho portato per la prima volta, l'insegnante ha riassunto anche ai papà quello che ha ripetuto per mesi a noi mamme e ci ha mostrato qualche posizione che potrebbe aiutare durante il travaglio (poi voglio mettere delle foto/disegni infatti…magari aiuta!).
    Comunque aiuta tantissimo, sopratutto a entrare nell'ottica del passaggio da figli a genitori…bravissimi e buon viaggio anche a voi!
    ps: poi se vorrai aggiungere qualche cosa che imparerai durante il corso sei la benvenuta, tanto ho intenzione di parlare di nuovo di gravidanza e yoga…intanto grazie per l'attenzione!

    Mi piace

  3. Bia trovo questa canzone e questo post meravigliosi;-) Mi unisco a te e al coro di quelle mamme che hanno sperimentato lo yoga durante la gravidanza…è un'esperienza unica…sentire il tuo respio che lentamente si armonizza con il tuo bambino…guardare per la prima volta oltre il confine dell'orizzonte…e per chi come me vede il mare..capire per la prima volta che quella linea immaginaria non mette paura…per chi abbia davanti a se qualsiasi altra cosa comprendere che dietro una visualizzazione di luce…non può che esserci altra vita….diventare mamma è rinascere a nuova vita—e bisogna festeggiare perchè è in tutto e per tutto un rito di iniziazione…essere vicine ed unite….mentre si pronunciano e si ascoltano mantra è una delle “terze vie” dell'esistenza…un cammino nascosto che appena si svela restituisce senso ad ogni cosa…creare una comunità in cui crescere i propri figli…che si tratti di una comunità reale o immaginaria ti rende parte di un Tutto che infonde coraggio…grazie allo Yoga…grazie a te Bia…e grazie a questo “stato di grazia” che per la prima volta…mi fa respirare e camminare lenta…e felice per il mondo…Anita Zechender Ferrari

    Mi piace

  4. Come sempre tenera e toccante, amica mia! Parole in cui mi ritrovo perfettamente 🙂 ormai mi mancano una manciata di giorni, spero di portarmi in sala parto tutto lo spirito, la forza e la calma che ho costruito con LUI in questi mesi! Poi a due tipi come noi secondo me serviva ancora di più…per farci riprendere fiato tra una preoccupazione e l'altra, tra un volo pindarico e l'altro…!
    Grazie ancora :*

    Mi piace

  5. Grazie a te Amica Mia…perchè le nostre vite sembrano disegnate su linee immaginarie parallele e sapere di vivere le stesse esperienze…fino ad arrivare a questa…la più intensa della nostra vita..mi rende meno vulnerabile…mi infonde coraggio…determinazione…calma interiore…come anche il tuo prezioso blog…continua così…e forza Bia…che la “vera” felicità è già dentro di te…e per renderla visibile al mondo …manca solo….”una manciata di giorni”;-) Ti voglio bene!! Anita Zechender Ferrari

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...