Parola all’esperto #2: consigli per la cameretta del neonato

E’ con un po’ di emozione che riporto qui di seguito il mio primo “guest post”, in cui ospito con orgoglio Francesca Romana Mazzoni, che non solo è una cara amica ma è anche un architetto exhibit e interior designer (mecocommeri! Capito chi vi ho portato “a ‘sto giro?”). In realtà è già il secondo esperto che interpello: per le mamme fotografe, se non lo ricordate, leggete qui i consigli della newborn photographer…

Il guest post è dedicato al royal baby, che ci ha fatto il sacrosanto favore di arrivare dopo uno smaronamento generale fatto di pronostici idioti sul povero bambino (Di che colore i capelli? Roscio come lo zio? Assomiglierà a Carlo? Speriamo di no, porello) e ore e ore di notizie inutili ai tg.
Finalmente Kate e Will porteranno oggi l’erede nel loro nido d’amore (quel piccolo, modesto, umile buchetto di casa che si ritrovano…): molte mamme (inglesi e non) da oggi cercheranno anche di rubare con gli occhi qualche “dritta” sulla carrozzina, vestitini e giochi usati dalla coppia reale per il loro baby. La cameretta, ad esempio, come sarà? Ve la immaginate già? 
Stando alle parole di Lucinda Croft, titolare del negozio che anni fa ha progettato le camere di William ed Harry, la coppia punterà su uno stile semplice e funzionale, niente fronzoli, drappi o culle romantiche piene di Swarovski. Piuttosto uno stile lineare: una sedia comoda per la mamma, un semplice fasciatoio e colori neutri.

Per quanto mi riguarda, anche se il mio Paul è nato 4 mesi fa (compiuti ieri…auguri amore mio!), ancora non abbiamo finito di arredare la sua cameretta…anzi. Non mi ci fate pensare che mi prende l’ansia per le cose che ancora mancano. Fosse per il padre avremmo potuto/dovuto incastrare la culla tra il pc su cui lavoravamo, la nostra libreria e il porta-scarpe (la cameretta di Paul prima era il nostro “studio”…ne parlerò, prima o poi, dell’evoluzione di quella stanza). Similmente non voleva staccare dal muro le locandine dei nostri spettacoli, nè le foto dei nostri viaggi, io invece ho voluto dare dignità al mio pupotto dandogli già uno spazio tutto suo, in cui poter “sognare i primi sogni”…mi sento così fortunata ad avere in casa lo spazio per una cameretta tutta per lui, che mi sembra un peccato non dargli la giusta importanza. Però il tempo è sempre scarseggiato, la pecunia anche, e così i lavori procedono a rilento. 
Ma basta perdere tempo con le mie chiacchiere: per quelle come me, che ancora stanno lavorando per realizzare la camera del loro piccolo principe, o per le mamme in dolce attesa che magari stanno attraversando la classica “sindrome del nido”, ecco le dritte dell’esperto. 
La parola a Francesca:
“E alla fine è nato! E’ risaputo, l’attesa di un figlio in arrivo mette in agitazione tutti. Se poi si aspetta il figlio del Principe d’Inghilterra, futuro erede al trono… E’ altrettanto noto poi che la preparazione del nido diventa per i genitori un momento fondamentale dell’attesa. Si cercano ovunque fonti di ispirazione, si acquistano riviste, e ci si confronta con le scelte di personaggi famosi e celebrità. E se la celebrità sei tu? Chissà come si sarà sentita la povera Kate, senza punti di riferimento… Per fortuna a risolvere ogni suo dubbio e ad assisterla in ogni sua scelta ci ha pensato una designer appositamente convocata a corte! Ma se non avete modo di rivolgervi a un designer di successo, come William e Kate, niente panico. Ecco a voi pochi semplici consigli per rendere la vostra nursery una stanza degna di un principe!
 
Scegliamo uno schema di colori. Messi da parte l’azzurro e il rosa confetto- un must fino a pochi anni fa- la tendenza oggi (seguita anche dalla coppia più famosa d’Inghilterra) è quella di optare per colori neutri e caldi, dal beige al tortora, fino anche al grigio. A questi possiamo poi facilmente abbinare dettagli in colori più accesi, come l’arancio o il verde. Ecco che avremo quindi un risultato sobrio ed elegante, e che potremo mantenere anche per un futuro fratellino (o una sorellina, chissà!).
Molti scelgono di ispirarsi a un tema per coordinare tutto: ambientazioni da fiaba o scenari da marinai, esplosioni di fiori e perfino, perché no, la giungla. Qualunque sia la vostra scelta, non esagerate o la vostra nursery, più che quella di un principe, sembrerà quella di un cartone animato.

 

 
Passiamo ai mobili. Non è indispensabile comprare tutta la cameretta da un negozio tanto specializzato quanto costoso. Pochi accorgimenti sono sufficienti per ottenere una nursery pratica, ordinata e all’altezza del vostro principe. Qui la parola d’ordine è “comodità”. Iniziamo dalla culla. Se escludete di comprarne una a forma di carrozza di Cenerentola (quella sì che sarebbe da vere principesse!), potreste allora preferire una di quelle culle trasformabili, che con il tempo possono cambiare funzione e diventare ad esempio divanetti per accoglierlo nelle prime letture di libri cartonati. Per il resto, scegliete arredi comodi, pratici, con molti cassetti in cui riporre i mille vestitini che vi regalerà la nonna, ma anche le lenzuola, le copertine, e tutto l’occorrente per il cambio. Per il fasciatoio, potete tranquillamente riadattare una semplice cassettiera, magari riverniciandola in tinta con la stanza, o acquistando dei pomelli a tema in un mercatino. Se la dimensione della stanza ve lo permette, aggiungete una poltrona per quando il vostro principe vi sveglierà di notte, urlando disperato come se non mangiasse da 3 giorni! Sceglietela comoda, e non ve ne pentirete. Ultimo accorgimento per i mobili: fate attenzione che rispettino i limiti di formaldeide presente nelle colle e nelle vernici usate.
 
Il lettino della Stokke, Sleepi, era uno dei miei sogni (poi ho optato per uno più economico della Prenatal, evvvabbè) ed è un esempio di lettini trasformabili ultra-pratici, oltre che belli – Beat
Aggiungiamo il tocco finale. Quello che renderà la vostra nursery davvero unica, come nessun designer potrebbe mai fare, è il vostro tocco personale. Un’idea molto semplice e dal risultato assicurato è quella di realizzare una decorazione personalizzata semplicemente incorniciando le illustrazioni del vostro libro di favole preferito: in libreria ne troverete di bellissime, e se le montate in tante cornici tutte assolutamente identiche faranno un figurone appese sopra la culla. Se invece vi sentite creative, in gravidanza non vi mancherà certo il tempo per realizzare un oggetto DIY (e cioè Do-It-Yourself…che poi sarebbe il fai-da-te!), magari un allegro mobile da far oscillare sulla sua culletta. Ne sarete orgogliose quando vedrete i suoi occhi rapiti dalla vostra creazione! Avete mani di pastafrolla e tutto quello che toccate si distrugge all’istante?  Niente paura! Una decorazione da parete adesiva o in vinile fa al caso vostro: se ne trovano davvero di bellissime, e se vi fate un giro in rete rimarrete rapite dalle possibilità che offrono queste decorazioni.
 

 

 

 

Certo…se poi siete così fortunate da avere una mamma che, come la mia, ha conservato gelosamente per anni il mio cavallo a dondolo di legno, ecco che avrete trovato il vostro tocco personalissimo e speciale. Un cavallo quasi vero, degno di un principe azzurro…Proprio come nelle favole”.
(Francesca – architetto exhibit e interior designer)
 
 

8 pensieri riguardo “Parola all’esperto #2: consigli per la cameretta del neonato

  1. Ottimo post, io per il mio principino che sta per nascere ho optato per il colore cerde in due tonalità solo nella parte bassa di due pareti della stanza, degli stickers da muro e dei mobili semplici ma funzionali. Devo ancora terminare i lavori in realtà (dovrei darmi una mossa) ma sono soddisfatta!! Ottimi consigli!! Un abrccio Rà di Nonsoloincinta

    Mi piace

  2. Beh…e quindi mi pare di capire che sei in linea con tutti i consigli…ottimo! Sul fatto di doversi dare una mossa…sfondi una porta aperta! 😦 il mio é già qui da mesi e al momento mancano ancora tanti dettagli!! Panicooo! 😉 grazie per le belle parole ❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...