Svezzamento e sana alimentazione del bambino: qualche dritta e ricetta

 

Ecco, considerate che queste cose le volevo scrivere da sabato scorso e che solo ora il mio dolce Attila mi ha lasciato libera. Una settimana circa dal mio ultimo post *____*
Tanto per dare un’idea del periodo che sto attraversando. Ma vabbè, siamo tutte sulla stessa barca, lo so.
Anche se è passato del tempo devo condividere questo post, anche perchè è una delle pochissime volte in cui ho qualcosa di intelligente da dirvi. Sabato scorso sono stata al Circolo degli Artisti, locale che molti dei miei concittadini conoscono, per la Festambiente Mondi Possibili, organizzata da Legambiente. Lì, tra gli altri eventi, è stato organizzato un workshop sullo svezzamento e la sana alimentazione del bambino, argomento a me molto caro perchè proprio questo mese sto cercando di svezzare Attila. A proposito…a qualcuno è capitato che il bimbo comunque volesse il seno, anche dopo aver mangiato brodino o frutta?
In ogni modo, il mini-mini-corso è stato tenuto da un eco cuoca e una nutrizionista, entrambe del Cesto delle Meraviglie (date un’occhiata al sito, fanno corsi di cucina bio ma organizzano anche catering ecologici e biologici). In un paio d’ore ci hanno parlato di pappe biologiche, ricettine bio super veloci e per tutta la famiglia, non solo per i tappetti. Beh, vi riporto brevemente qualche informazione che ho raccolto e che mi è sembrata utile. Alcune cose già le saprete, magari, ma spero possa esserci anche qualche nuova informazione. Ovviamente non sono un’esperta e sono sempre il parere che per certe cose sia meglio consultare pediatri, dottori ecc. ma il web può essere utile a dare spunti su cui poi informarsi meglio.

# Evitare alimenti con glutammato di sodio (detto anche E621), di solito presente nei dadi da cucina, ho letto sia addirittura cancerogeno…in generale evitare quando non capiamo il significato degli alimenti descritti negli ingredienti vuol dire che sono “chimiconi”.

# Omega 3: assumerlo tramite integratori non è come farlo consumando gli alimenti che ne sono ricchi, perché le sue proprietà si perdono se non “mixate” con altre proprietà contenute negli alimenti stessi. Così come il calcio, ad esempio, che si assorbe meglio se associato alla vitamina D, o il ferro si assorbe di più con la vitamina C (motivo per cui ci sta bene una bella spruzzata di limone sulla carne)

Il mio Pablito, che quando si tratta di “magnà” sta sempre attento e buono.
Seguiva le ricette con l’acquolina in bocca….

# Durante lo svezzamento mettere il brodo subito in un contenitore di vetro e far raffreddare a temperatura ambiente. Il brodo si può conservare fino a 3 giorni in frigo, oppure più giorni in freezer, una volta privato delle verdure (che conservate in un contenitore di metallo si “ossidano”). Ovviamente se conservato in freezer meglio non riempire i contenitori fino all’orlo, ghiacciandosi la massa aumenta.

# Evitare i contenitori di plastica con BISFENOLO. Vanno bene, ad esempio quelli dell’Avent tipo questi:

# Conservare le uova in frigo SENZA CONTENITORE DI CARTONE: il cartone può assorbire insettini o batteri

# Vaporiera cinese in bambù: costa poco (si dovrebbe trovare senza troppa difficoltà nei negozietti “china”) ed è un modo naturale per cucinare al vapore, si poggia sopra la pentola con acqua (come quella in plastica trasparente che vedete qui sotto). Così…

si può poggiare sulla base della vaporiera una foglia di verza che isoli il contenuto con il vapore

# Vaschette biodegradabili Ecocanny: sono contenitori ideali adatti a microonde, forno e congelatore e dopo l’uso si buttano nella busta dell’umido per il riciclo.

 

# Per pulire in modo naturale, per me che sono fissata con l’idea che non vorrei usare prodotti troppo forti ora che ho Paperetto in giro per casa o che mangia nei piattini di casa, mi hanno consigliato la marca Winni’s, che però io ancora non ho provato. Tra le altre cose sembra sia una linea economica, oltre che naturale.

# Meglio consumare sempre verdure di stagione: per coltivarle non è stato necessario bombardarle di sostanze chimiche ma anche per non favorire l’inquinamento dei terreni, su grossi livelli. Quindi se non è stagione di zucchine, per esempio, meglio preparare il minestrone col broccolo o il cavolfiore

 

 

QUALCHE ESEMPIO DI RICETTA NATURALE E VELOCE

Noi abbiamo assaggiato il prodotto finale e devo dire…non male, davvero.

# merenda naturale (ma per bambini più grandicelli, non per il mio supernanetto): frullare la ricotta di pecora con pesche e prugne (o comunque con frutta di stagione). Assaggiata, ottima, anche per gelatini. Si può servire anche agli adulti, magari aggiungendo una copertura di amaretti sbriciolati. Mannaggia, non ho foto da allegare. Uff.

mini lezioni di cucina per svezzamento e mamme in genere

# polpettine di quinoa: adoro la quinoa. Un po’ costosetta, magari, ma ottima alternativa al riso, cous cous, pasta…sopratutto, un buon modo per riciclare la verdura che avanza dopo aver preparato il brodo del nano. Basta usare la verdura per farcire le polpette preparate con la quinoa, appunto. Per cuocerla basta aggiungere acqua fino a coprirla di un paio di dita, in pentola. All’interno delle polpette si può aggiungere anche un pezzettino di caciottina (tipo supplì, per intenderci). Tenere per 20 minuti in forno a 180°. Per l’impanatura si può usare la farina di mais o il parmigiano o il sesamo…

 

Quinoa. I love.

# Muffin di carote e kamut: sarebbero muffin normali (ad esempio io ho trovato una ricetta qui ma devo ancora cimentarmi…) ma con zucchero di canna integrale, farina di kamut e carote grattugiate. Olio di oliva, 20 minuti in forno a 180°… assaggiati, ottimi. Un’altra idea per una merenda più naturale di quelle confezionate.

 

ed ora qualche scatto dalla manifestazione…

 

Alcuni dettagli della Festambiente. SediAlbero con libri…

 

dettagli di Festambiente. Carrozza…

 

13 pensieri riguardo “Svezzamento e sana alimentazione del bambino: qualche dritta e ricetta

  1. Quante belle informazioni!!! Di molte (quasi tutte) ero già a conoscenza; ma di altre, come la vaporiera di bambù (io ho quella elettrica o in alternativa il varoma del bimby) per niente…
    La linea di detergenti per la casa Winni's la uso da tantissimo tempo e mi ci trovo benissimo!!! Te la consiglio anche io e sta sicura che non ti pentirai ;o) tra l'altro, non è neanche cara; quindi…
    La quinoa, invece, confesso di non averla proprio mai sentita… andrò a farmi una cultura, prima di scrivere qualche stupidata! ;o)
    Ti faccio tanti in bocca al lupo per lo svezzamento e vedrai che in poco tempo andrà tutto liscio! :o)
    Buona serata,
    Lory
    Bazzicando in Cucina

    Mi piace

  2. anche io ho la vaporiera elettrica…hanno detto che questa in bambù non viene molto, credo di provarla. I love la quinoa! Certo, costicchia (l'ultima volta me l'hanno venduta a qualcosa come 8 euro 1/2 kg!) ma è ottima e fa bene

    Mi piace

  3. ottime dritte, grazie!! le foto delle polpette e dei muffins poi invogliano proprio un sacco!!La marca Winnie's la sto usando da un mesetto circa e mi trovo bene…tempo fa avevo anche provato con i detersivi che vendono nei negozi equo solidali e anche quelli erano ottimi, però costano molto di più!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...