Luneur tra nostalgia e ricordi. Se solo potessi portarti lì…

…quando quei cancelli erano ancora aperti per noi…

Attenzione: post ad alto contenuto nostalgico e dalla forte connotazione territoriale. Nel senso che se non siete cresciuti a Roma forse non vi farà nè caldo nè freddo e non capireste di cosa sto parlando. Ma se siete miei concittadini, magari della mia stessa generazione…dedicate anche voi un pensiero a…

Il Luneur. Figlio mio, non l’ho mai dimenticato, anche se ormai lo hanno chiuso da tempo. Non ho capito bene perchè e percome, ammetto che non ho seguito bene la faccenda e so solo che su internet e sui giornali ho letto qui e là commenti su interessi politici, economici, su disoccupati rimasti senza lavoro per questa scelta, su problemi legati alla sicurezza di quelle giostre…boh. Com’è, come non è, sta di fatto che ogni volta che passo lì davanti mi prende quel morso allo stomaco. Perchè so che si parla anche dell’ipotesi di riaprirlo, quel posto, ma con un altro aspetto, completamente ristrutturato…una cosa tipo così:

dove ho trovato questa foto? https://www.facebook.com/LuneurPark e in giro sul web…

 

https://www.facebook.com/LuneurPark

Insomma, a quanto ho capito quel posto lì lo vogliono colorare, abbellire, renderlo una sorta di villaggio dei Teletubbies e per carità magari verrà pure fuori qualcosa di fico ma non sarà IL Luneur.
Quello di quando marinavi la scuola, di quando davi i primi baci (o per meglio dire “limonavi” o “paccavi”, usando un linguaggio che all’epoca era scandaloso e per te sarà desueto), quello in cui alcuni gestori di giostre con le facce da delinquenti ti invitavano a salire sulle loro macchine o a sparare contro barattoli con fare minaccioso e tu timidamente ti defilavi.

Amore mio, quanto avrei voluto farti riempire gli occhi di stupore davanti al genio delle “Notti orientali”

Fonte: www.theparks.it

e forse mi sarei preoccupata perchè anche tu avresti rischiato di prenderti una pedata in faccia mentre cercavi di rimanere in piedi al centro del Tagadà per far colpo su una ragazzina (e io ti avrei detto che eri un deficiente per averlo fatto.Con affetto,eh)…

Fonte: www.webbynet.eu
Tuo nonno mi ci portava se avevo fatto la buona, insieme cercavamo di afferrare qualche cianfrusaglia “made in China” con quella cavolo di pesca verticale e devo dire che lui ci riusciva quasi sempre, nonostante nessuno mi toglie dalla mente che quelle macchinette fossero truccate
Vedi, a noi non serviva molto per stupirci. Noi, figli di famiglie con uno stile di vita più che dignitoso ma non miliardari (parlo delle vecchie lire…), non potevamo permetterci Disneyland e quindi ci facevamo andare bene quel vecchio lunapark dal sapore vintage. Anzi, ora che mi ci fai pensare ci sentivamo anche fichi perchè si diceva che il Trenino delle Miniere fosse stato donato proprio da Disneyland. Ecco, forse quello era “il cestino dei rifiuti” quando a Disneyland un gioco diventava vecchio decrepito, lo si mandava in pensione a Roma, ma a noi piaceva così tanto…
fonte: www.ridesonline.michelfeit.de

 

Fonte: Kenneth Colpaert – Thrilltime.net ma anche TheParks.it
…che poi a bordo di quei piccoli vagoncini finivi in quella miniera di cartapesta dove ti aspettavano i sette nani,dai colori sbiaditi dal tempo e i meccanismi arrugginiti, che cantavano il loro tipico “Heyyyyooooohhhh andiamo a lavorar” con occhi inquietanti, a ripensarci bene.
Però ti sarebbe piaciuto Nessie, che ci avrebbe portato in un giro intorno al lago artificiale, attraversando una finta torre diroccata. Ti saresti divertito come ho fatto io vent’anni fa…
Fonte: http://noiroma2013.wordpress.com
Poi tuo nonno prima e il mio ex fidanzatino del liceo poi, cercavano (e a volte riuscivano) di regalarmi un pesciolino rosso vinto riuscendo a far entrare una pallina in un vasetto di vetro lanciandola da una certa distanza. E ancora, quanti ricordi che non potrò farti rivivere.
Posso mostrarti delle immagini e cercare di spiegarti cosa si provava a…

…a fare amicizia sulle macchine da scontro con i compagni di liceo appena conosciuti…

…a rimorchiare davanti a quelle attrazioni accompagnate da musica da discoteca sparata a palla, effetto fumo che puzzava di zucchero filato e borotalco e “giostrai” che invitavano i passanti a salire a bordo con microfoni che distorcevano la voce e alla fine non si capiva niente di quello che dicevano…sapendo che tua madre non avrebbe approvato quel fare “coatto” e ti avrebbe ordinato di filare in camera tua a cambiarti i vestiti. Era l’epoca del “rennino”, delle Adidas Tobacco, dei Levi’s 501…in effetti se andavi a casa a cambiarti non facevi una lira di danno

Fonte: www.chronica.it

…Come farò a spiegarti che in quel lunapark niente era nuovo, tutto era un po’ impolverato o scolorito o scrostato ma noi quelle cose non le vedevamo, lo ricoloravamo tutto con le nostre risate e i nostri sogni (o le nostre svomitazzate una volta scesi da montagne russe o “frullatori” di stomaco)…

Fonte: www.kaleidoscopia.it

Non potremo essere immortalati anche noi con le facce da scemi mentre scendiamo giù verso mille schizzi d’acqua (sporca)

fonte: www.lifeinitaly.com

Nè potrai mettere alla prova il tuo coraggio, come facevamo io, i miei cugini e i compagni di scuola, entrando in una di quelle case stregate che te la facevano fare sotto solo a passarci davanti. Nessun film 3D potrà entrare così nei tuoi incubi, figlio mio, fidati. Che poi dentro ci trovavi vecchi manichini impolverati piazzati negli angoli giusti ma io ancora ricordo che paura facevano, forse proprio per quelle parrucche mezze spelacchiate e quei vestiti spolverati l’ultima volta negli anni ’70, credo…

Fonte: Kenneth Colpaert – Thrilltime.net ma anche TheParks.it
Fonte: Kenneth Colpaert – Thrilltime.net ma anche TheParks.it
…quel ragno e gli occhi del gufo che ti seguivano mentre passavi di lì…

Ogni tanto passo di là e se sono sola e ho tempo mi fermo, scendo dalla macchina e butto un occhio oltre quei cancelli sbarrati, quei cartelli che vietano l’accesso e provo a capire in condizioni sia il “mio” parco e so che non sono buone. So che anche volendo ormai sarebbe troppo tardi per farti anche solo immaginare gli anni d’oro di cui ti sto parlando…

Gli anni in cui il Freddo portava Roberta a fare un giro al parco giochi e la faceva innamorare…

ecco di cosa ti sto parlando, figlio mio…immagini che solo a vederle mi portano indietro di vent’anni

http://youtube.googleapis.com/v/TZn6lRAInBE&source=uds

ed ecco, invece, cosa troveremmo ora…l’edera ricopre i nostri sogni di bambini coraggiosi, il degrado cancella le prime sigarette fumate da adolescenti irrequieti e io sorrido tristemente mentre risalgo in macchina sperando di trovare anche per te un posto che sia così folle e speciale in questo mondo che ormai cancella tutto ciò che non sia impeccabile. Grazioso. Colorato.

14 thoughts on “Luneur tra nostalgia e ricordi. Se solo potessi portarti lì…

  1. Mi hai riportato indietro nel tempo! Non sono romana e quel parco non l'ho mai visto ma qui c'è la Città della Domenica che un tempo, era il paradiso per i piccoli ed oggi e' una struttura proprio mal ridotta ed anche se e' ancora aperto, non ti viene mica voglia di andarci. Oggi vanno di moda quei strabilianti parchi dei divertimenti, dove si sfida la natura e la sua forza di gravità, dove tutto e' grande e colorato e più e' strano meglio e'. Non dico che non mi piacciono, in fondo e' giusto così, e' il progresso, però quest'estate io ho portato mio figlio a Fiabilandia, un parco a Rimini, che c'è da almeno 30 anni. E' curato, e giustamente gli e' stata fatta manutenzione, ma e' rimasto tale e quale. Mio figlio si e' divertito da matti, che ancora lo racconta ed io sono tornata bambina.

    Mi piace

  2. Che nostalgia leggendo il tuo post! Io sono di Latina, da piccola ci sarò andata 2 o 3 volte in tutto, ma mi ero affezionata a quel parco proprio come te! Ed è capitato anche a me di avere i tuoi stessi pensieri, quando avrò un figlio un giorno, non potrò fargli provare le stesse nostre emozioni, ma sicuramente con i nostri ricordi e racconti potremo farli entrare in quel mondo sgangherato, che per noi era tanto speciale!

    Mi piace

  3. Il Luneur quanti ricordi… E' vero, come scrivi tu era tutto sgangherato, scrostato, impolverato, ma era unico per tutti noi. Beat i tuoi post “strappalacrime” sono i miei preferiti, ne ho letti almeno altri due così! E anche i video, bellissimi! (Naturalmente il mio preferito è quello del Freddo e Roberta, ma quale donna potrebbe resisteje ar Freddo???). Non ho bimbi per ora, ma ti seguo sempre perché mi piace tantissimo il tuo blog (e cmq tenersi aggiornati sul mondo bambino può sempre tornare utile!). A presto allora e un caro saluto a te e ai tuoi boys! Francesca.

    Mi piace

  4. capirai, se ci andavi poco avrai un ricordo ancora più speciale….sai quelle cose che si facevano poco, da piccole, ma proprio per questo ci sembravano giornate uniche?? 😀 tipo lo zoo!

    Mi piace

  5. ahahah e ho in mente altri post strappalacrime…non lo faccio apposta, non sono la D'Urso eheheh, ma in questo periodo sono una sentimentalotta…! grazie per le belle parole, sai che sono una fan della tua creatività dentro e fuori dal web!

    Mi piace

  6. bellissime le descrizioni, capaci di far rivivere in me le emozioni di un tempo… sono un'amministratrice del Gruppo FB “Riapriamo il Luneur”… se vorrai unirti a noi e ricordare i bei tempi del nostro amato parco sarai la benvenuta! inoltre noi stiamo lottando perché gli ex giostrai possiano riavere la loro vita e tutti i cittadini, Romani e non, riavere il vecchio e caro Luneur!

    Mi piace

  7. bellissime descrizioni che mi hanno fatto rivivere le emozioni di un tempo! io sono una degli admin del Gruppo FB “Riapriamo il Luneur” e stiamo lottando perché i giostrai possano riavere la loro vita e i cittadini, Romani e non, il loro caro e vecchio Luneur! se vorrai passare a trovarci e unirti a noi sarai la Benvenuta! 😀

    Mi piace

  8. che bel post..io sono cresciuta in quel luogo(allora c erano le lire ma ti mazzolavano ugualmente..un operaio come mio padre poteva portarci i figli 2 o 3 volte l anno non di più)poi in adolescenza idem..dovevi entrarci con quelche soldino tipo 30 euro di adesso per fare più giostre..ma in compenso se non andavi sulle giostre potevi sedere prendere il gelato conversare conoscere..altro che facebook..mi dispiace che mio figlio che ho portato a Gardaland più volte..mirabilandia idem, ad Eurodisney,a Raimbow non abbia mai potuto frequentare il Luneur ..forse andammo una volta lui era piccolissimo prima che chiudesse.. ..quesi giardini quei colori quell' aria magica..non tornerà come prima..mi dispiace che non ha avuto la mia fortuna senza far migliaia di km in macchina treno o aereo di avere la sua Disney sotto casa;)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...