Bambini da migliaia di follower: quando i figli diventano star del Web

Era veramente da un bel po’ che volevo parlare di alcuni articoli letti in Rete che hanno attirato la mia attenzione. Pezzi che forse avrete letto anche voi ma su cui vorrei soffermarmi, soprattutto visto che siamo blogger, oltre che mamme. Magari blogger per hobby e non per lavoro, magari non proprio maestre del SEO e dei social, ma comunque interessate al mondo del Web coniugato a quello della maternità.

Ecco, c’è stato un periodo, tra ottobre e novembre, in cui sembra essere scoppiata la moda di parlare, sulle diverse testate, di tutti quei bambini diventati star su Instagram, per la gioia delle loro mamme più o meno egocentriche. Non lo so, non le conosco, non ci è dato sapere se siano buone madri e forse è proprio questo il punto: passo da post di mamme blogger terrorizzate all’idea che si possa intravedere anche solo l’orecchio del figlio su una foto caricata sul proprio blog, a quelle che puntano sull’esposizione super-frenetica dei propri figli, soprattutto quelli molto piccoli. Io mi pongo candidamente nel mezzo, forse. Boh. Comunque non stiamo parlando di me, stavolta.

A colpirmi per prime sono state le gemelline Bella e Chloe Abir, le avete mai viste? Riporto di seguito qualche foto tratta dal loro canale Instagram (theroyaltwins), dove possono contare quasi 72 mila follower, nel momento in cui vi sto scrivendo. Roba da far invidia a molte fashion blogger più attempate, insomma. A gestire i loro profili ci pensa la mamma Lucy, ex produttrice televisiva. Loro ovviamente non possono farlo perché hanno solo 4 anni.

Fonte: Instagram theroyaltwins

La mamma ha spiegato in un’intervista rilasciata per Cosmopolitan che tutto è nato da una foto caricata su Instagram in cui le bimbe erano vestite Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, un costume destinato a far sorridere gli amici a una festa in maschera, ma che è diventato presto molto popolare anche sul Web. A sorridere, infatti, sono stati decine di migliaia di utenti, soprattutto dopo che Kim Kardashian ha spiegato di trovare le gemelline “adorabili”, cosa che ha fatto incrementare notevolmente la loro popolarità.

Fonte: Instagram theroyaltwins

 

Fonte: Instagram theroyaltwins

 

Fonte: Instagram theroyaltwins

Carly, 22 anni, è un’altra mamma che ha fatto diventare la figlia Avaya Hugo una star dei social a neanche due anni. “È incredibile! – ha commentato la ragazza, che vive vicino Manchester con il partner Daniel Hugo, anche lui 22enne – Avaya ha più abiti a 18 mesi di quanti la maggior parte delle donne ne collezionano in una vita”. Sì, perché la bimba può contare su più di 102 mila follower su Instagram (la trovate QUI) e per questo riceve ogni giorno nuovi abiti da parte dei marchi di abbigliamento, tra cui la linea Kardashian Kids per cui la bimba ha fatto da modella.

Fonte: Istagram (Carlyashton_)

A chi ha chiesto a Carly se non si senta un “filino” invadente nei confronti di sua figlia, la ragazza ha risposto: Avaya è una bambina felice e ama stare di fronte alla telecamera. Per questo ha così tanti follower, perché trasmette gioia”. Anzi, la giovane madre si augura che anche la sua secondogenita, Aliza, possa seguire le orme della sorella maggiore.

Fonte: Istagram (Carlyashton_)

 

Fonte: Istagram (Carlyashton_)

Personalmente non ho problemi a condividere alcune foto di P., anche se non amo ossessionare amici e parenti o fargli fare da “prezzemolo” sui social. Non avrei problemi a fargli fare da modello. Forse perché era quello che avrei voluto io da piccola, quando chiedevo insistentemente a mia madre di farmi fare provini, casting o farmi partecipare allo Zecchino D’Oro (che per me era un po’ come Sanremo…). Eppure lei si è sempre rifiutata, così come mio padre. Chissà, magari avevano ragione loro. Ora è più facile far diventare i proprio bambini delle stelle del Web, anche se rimane aperta l’ampia questione sul fatto se sia giusto o meno prendere noi decisioni per conto dei nostri bimbi. Cioè, a dire il vero si potrebbe aprire un trattato al riguardo e ho letto in giro su Internet un po’ di tutto sulla questione, tra mamme che si scandalizzano e mamme più “sportive” e aperte all’uso dei social.

Personalmente mi piace spulciare i blog delle madri che danno consigli sull’abbigliamento dei bambini, magari usando i propri figli come modelli. Non ci trovo niente di male, ma capisco anche chi ha più remore nell’esporre così i propri pargoli. Come spesso accade, quando si parla delle scelte di una mamma (allattare al seno? Per quanto tempo? Co-sleeping? ecc ecc ecc) credo che ogni madre dotata di senno sappia cosa sia meglio per i propri figli.

3 thoughts on “Bambini da migliaia di follower: quando i figli diventano star del Web

  1. Io ho scelto di non pubblicare nessuna foto di mio figlio, credo che ogni madre, come hai detto tu, sappia cosa è meglio per i propri figli. Certo però è anche vero che il troppo stroppia e far diventare delle star dei bimbi così piccoli mi sembra un po' esagerato!

    Mi piace

  2. Io preferisco non mostrare il volto di mio figlio, consapevole che ciò che è sul web ci rimarrà per sempre. Non so se, da grande, gradirà.
    Già scrivere delle nostre avventure e scelte quotidiane, dei suoi capricci piuttosto che dei suoi progressi, è una invasione della sua privacy, cerco di non esagerare anche con le foto.
    se fosse per mio marito, non avrei neppure un blog e men che meno dovrei parlare della mia famiglia!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...