Torta di mele e yogurt per consolarsi dalle preoccupazioni di mamma

Ieri ero un po’ triste perché ho scoperto che l’unica scuola materna statale qui vicino, nel mio quartiere, ha pochi posti e molte richieste e danno precedenza ai bambini di 5 anni per portarli verso le elementari (lo trovo giusto, ma ho sofferto). Ero entrata con gli occhi a cuoricino in quell’istituto con corsi di ceramica e teatro, ampi spazi verdi, classi pulite, maestre che ci hanno parlato di progetti con pupazzi parlanti che insegnavano ai bambini le regole per vivere bene in società…e invece poi mi sono sentita rovesciare una secchiata di acqua fredda in testa quando mi hanno detto che la possibilità che P., che settembre avrà a tre anni e mezzo, possa essere preso sono molto poche. Io e le altre mamme di treenni, mai viste prima, ci siamo comunque sentite vicine dal comune sconforto, anche perché le altre statali e comunali in zona non sono molto affidabili, a livello di sicurezza. Non chiedo Oxford e sono disposta a rinunciare a inglese, ceramica, corsi di cucina (anche perché hanno pur sempre 3 anni e poco più, non credo siano così vitali…) ma sulla sicurezza non posso chiudere un occhio e le altre scuole, da quello che ho saputo e potuto vedere, sono molto a rischio.

Per altro possiamo indicare solo una scuola statale e una comunale, ma in questa zona di Roma, dove ci siamo trasferiti da un anno, la scelta non è ampia, anche se per il resto mi trovo molto bene. Già con il nido ho avuto problemi a far accettare la nostra domanda: sono riuscita a passare dal privato allo statale (visto che il nostro è un nido convenzionato) solo da pochi mesi e per il resto dell’anno ho dovuto pagare una retta che, pur non essendo una delle più alte, è stata comunque un bell’impegno economico. Speravo che con la materna la storia fosse finita, invece ecco che si ripresenta la possibilità di doverlo iscrivere a una scuola privata pur di non dover incappare in finestre che cadono (come è accaduto), bagni rotti per un anno, cancelli aperti e incustoditi, recinzioni mancanti in più parti…cosa fare? Mentre cercavo una soluzione e maggiori informazioni su internet, per tirarmi su il morale ho preparato una torta mi mele e yogurt. Perché, almeno per quanto mi riguarda, ragiono molto meglio con il profumo di torta calda nel naso e la pancia bella piena. Chi mi segue su Instagram avrà già visto il risultato: ecco qui la ricetta, se volete provare. Tra l’altro è talmente facile da preparare che va bene anche per una con poco tempo e poca esperienza in cucina come me. A casa mia ha avuto molto successo. Ma sono ancora molto preoccupata per la materna…

Ingredienti:

  • 250 gr di farina 00
  • 125 gr di yogurt bianco (o alla frutta, come ho fatto io perché in frigo avevo solo quello!)
  • 3 uova
  • 150 gr di zucchero
  • 1 bustina di lievito per dolci (16 gr)
  • 70 gr di burro
  • 3 mele

Bisogna prima di tutto tagliare le mele a fettine (abbastanza sottili, ma non troppo) e bagnarle con il succo di limone, poi occorre montare le uova con lo zucchero e, dopo aver realizzato una montata abbastanza spumosa, aggiungere il burro (che nel frattempo va intiepidito). Farina e lievito vanno setacciati e aggiunti in un secondo momento al composto, insieme allo yogurt, ma poco per volta. Io ho messo una base fatta di fettine di mele, poi ho aggiunto il composto e messo le rimanenti mele in cima, ma le fettine possono essere anche messe al centro, l’importante è che ne rimangano abbastanza per coprire poi la superficie. Il tutto va fatto cuocere al forno a 180 °C per 45 minuti. Fatto! Facilissimo. Prometto che in futuro mi impegnerò di più (forse…).

…prima di entrare in forno…
…e durante la cottura (un profumo che fa dimenticare i problemi…
almeno per un po’

One thought on “Torta di mele e yogurt per consolarsi dalle preoccupazioni di mamma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...