“Pillole di Blogging”: aprire un blog, curarlo, renderlo un lavoro. I consigli di Silvia Ceriegi

Ci tenevo particolarmente a parlare di questo libro, Pillole di blogging, di Silvia Ceriegi, che molti lettori conosceranno come blogger di Trippando.it. Mi stava a cuore parlarne perché credo possa essere una lettura interessante per molte mie colleghe che passano di qui, spesso intenzionate a migliorare il proprio spazio on line e (perché no) magari renderlo anche un lavoro, oltre che un piacere. Questo, però, richiede molto tempo e studio e lo sappiamo bene, credo.

A mio avviso Silvia (ma non avendola mai incontrata personalmente posso chiamarla così? Vabbè, ormai mi sembra un po’ di conoscerla) ha saputo racchiudere un po’ tutti i principi basilari che possono rendere l’idea del lavoro che c’è da fare su un blog, per renderlo davvero appetibile sul mercato, indicando anche link, libri e autori utili per studiare la materia, esempi di blogger a cui ispirarsi (senza mai copiare, anche perché ogni blogger avrà le sue peculiarità e sarà proprio quella la sua forza) e consigli su come prendere scelte in fatto di contenuti, personal branding, uso dei social media e davvero tanto, tanto altro.

Il libro è strutturato in tre grandi aree tematiche: nella prima viene illustrato il tipo di studio da cui si dovrebbe partire per la propria attività, nella seconda si parla di visibilità e dell’immagine che ciascuno vorrà e dovrà dare su Internet di sé e del proprio blog, nella terza si parla delle eventuali possibilità di guadagno e dell’impegno da esse richiesto.
Il tutto trattato con termini semplici e comprensibili anche per i “neofiti”, una lettura molto scorrevole adatta anche per le mamme che hanno poco tempo a disposizione (io l’ho letto tutto d’un fiato una sera dopo che P. è andato a dormire): i concetti sono presentati in modo funzionale, senza perdite di tempo, come piace a chi sa che avrà pochi minuti prima che il piccolo/la piccola si svegli. Ho apprezzato questo modo di scrivere, mi sono sembrati utili i contenuti e mi è piaciuto anche il fatto che Silvia si sia calata nei panni di chi è alle prime armi, ricordando quali siano state le difficoltà iniziali che ha riscontrato.

Immagine di uno dei rari attimi di pace tratta dal mio profilo Instagram

Personalmente, mi sono laureata in Scienze della Comunicazione (dannazione…tornassi indietro…), ma questo prima dell’avvento dei blog e dei social media, perciò ora mi ritrovo ad “arrancare” dietro alle nuove tecnologie e sto davvero tornando a studiare come facevo ai tempi dell’università. Lo faccio anche come giornalista 2.0, visto che ormai è richiesto di conoscere, tra le altre cose, l’abc di indicizzazione, blog, social ecc ecc (dato che la nostra vita era già abbastanza facile, no???):  Tanto per dire, a proposito di consigli, tornando indietro seguirei quelli di chi mi diceva che WordPress è meglio di Blogger, ma ormai…sto accarezzando l’idea di trasferire tutto, ma poi mi faccio un caffè e preferisco rimandare il problema (#pigrizia). Comunque sappiate che sono in procinto di fare nuove modifiche a questo spazio, perché ancora non è “come dico io”…

Tornando a Silvia e al suo libro, ben venga chi, come lei, cerca di aiutare chi vuole fare questo lavoro, senza rivolgersi a nessuno dall’alto di un piedistallo, ma con la semplicità di amici che si confrontano seduti a tavolino. A proposito, c’è anche la possibilità di parlare con lei attraverso consulenze personalizzate, come spiegato anche qui. Spero di aver scritto tutto, ma sicuramente appena il pc sarà spento mi verranno in mente altre 2000 cose da specificare, lo so. Comunque riporto qui di seguito il video della presentazione del libro fatto dalla stessa autrice: chi, meglio di lei, può presentarlo ai potenziali lettori?
Con questo post partecipo al caro venerdì del libro di Homemademamma, che mi fa scoprire ogni settimana nuovi titoli e autori da scoprire…o da evitare! (Grazie a tutte per i saggi consigli)

10 thoughts on ““Pillole di Blogging”: aprire un blog, curarlo, renderlo un lavoro. I consigli di Silvia Ceriegi

  1. Ciao cara! Io confesso di non aver mai pensato seriamente di fare del mio blog una fonte di guadagno o addirittura un vero e proprio lavoro, perché è nato con l'idea di essere un mio semplice diario-online. Ma un libro così di certo può essere utilissimo se si vuol intraprendere un cammino più professionale.
    Un salutone 🙂

    Mi piace

  2. Dovrei leggere questo libro, per capirne un po' di più di blog, anche se ammetto che per me è solo un hobby che non deve togliere troppo spazio alla mia vita “reale”, famiglia e sport compresi.
    Grazie del consiglio!

    Mi piace

  3. Anche per me il blog è un passatempo e un modo per condividere i miei pensieri ma qualche consiglio su come fare qualche passettino in più, nella blogosfera, non può che essere utile.

    Mi piace

  4. Grazie a tutte dei commenti 🙂 tra l'altro vedo che sono stati lasciati da molte delle mie blogger preferite 😉 sto notando anche, con un po' di dispiacere, che c'è una tendenza, da parte di chi vuole TROPPO “monetizzare” il proprio blog, ad appiattirsi sia per argomenti che per livello di scrittura…poi va a finire che alcune blogger che seguivo siano diventate un po' troppo orientate al “cliente” e dunque meno veraci. Almeno sui blog sarebbe bello potersi esprimere liberamente, trovando il giusto compromesso tra gli eventuali desideri del mercato e quelli dei lettori…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...