November home projects #3: consigli e idee fai-da-te per una casa eco-friendly

Novembre mese della casa: ormai mi sto davvero sbizzarrendo, tra idee per trasformare la nostra abitazione in una Smart Home super-efficiente che riduca al massimo i consumi e massimizzi i livelli di sicurezza della nostra famiglia, e altrettanti spunti per ristrutturare i bagni in modo “low cost” oppure rendere finestre e infissi meno convenzionali e più suggestivi attraverso qualche accorgimento. Si torna così con questa mini-rubrica, nata grazie alla consulenza di edilizia365.it. Oggi si parla di uno dei miei argomenti preferiti: le idee fai-da-te per rendere la propria abitazione più “green” e più accogliente. Un posto migliore dove vivere, nel rispetto di sé e degli altri.

Grazie al riuso e riciclo creativo, infatti, è possibile di ridurre la quantità di rifiuti prodotti e realizzare nuovi oggetti riciclati a costo zero. Ci sono molti accorgimenti che tutti possono applicare, senza essere professionisti del fai da te, a partire da elementi che utilizziamo tutti i giorni.

Per iniziare, è possibile trasformare gli ambienti interni grazie alle piante, che aiutano a creare uno spazio più accogliente e salutare. In particolare, grazie all’emissione di ossigeno, purificano l’aria dalla presenza di composti chimici volatili, come formaldeide, benzene e monossido di carbonio. La nuova tendenza è il floating garden, letteralmente “giardino galleggiante”, ovvero vasi appesi al soffitto che sembrano fluttuare in aria. Quelli più innovativi sono presentati al contrario, con la pianta rivolta verso il basso. Si possono realizzare facilmente dei supporti con qualsiasi materiale troviate: dalle bottigliette di plastica a vasetti di vetro e vecchie lampadine, per i fiori e le piante più piccole.

idee green per la casa vasi appesi

Bottle_flower_pots

Se, invece, si preferisce puntare su piante non solamente decorative, si può coltivare in casa basilico, peperoncini o altre spezie e utilizzarle per cucinare. Se hai poco spazio, puoi optare per una vera e propria serra verticale. Il modo più semplice per realizzarla è recuperare vecchie cassette per la frutta dove collocare le piante, oppure utilizzare come vasi vecchie lattine o contenitori per il tè sfuso.

idee green per la casa serra verticale fai da te

lampadario stampelle legnoIn casa puoi giocare anche con l’illuminazione, preferendo sempre lampadine LED, più costose, ma con una durata media di 15-20 anni e un consumo pari a circa un sesto rispetto agli altri modelli. Ti potrai sbizzarrire nella creazione di lampadari, utilizzando i materiali più diversi, dalla carta riciclata alle grucce di legno, ma anche vecchi centrini o bottiglie di vino decorate. Per produrre energia elettrica pulita, la soluzione definitiva è ovviamente l’installazione di un pannello fotovoltaico sul tetto della casa, o eventualmente anche una soluzione “portatile” da balcone per piccoli consumi.

idee green per la casa lampada fai da te

lanterna fai da te centrini

 

 

ekokook-faltazi-dechetLa stanza responsabile dei maggiori sprechi energetici è la cucina, che quindi merita un occhio di riguardo. Dimenticando il DIY per un attimo (e sognando un po’, ma neanche troppo), quelle del futuro saranno molto più ecologiche, come il prototipo Ekokook di Faltazi Design (qui accanto). Si tratta di un concept basato sull’autosufficienza dell’ambiente, attraverso strategie essenziali: gestione dei rifiuti, comfort, riduzione dei consumi energetici e storage intelligente, con elettrodomestici che consumano meno energia. Per questo prototipo Faltazi Design, ha optato per un forno a vapore e un frigorifero a scomparti, ad esempio, che permettono di ridurre notevolmente la quantità di energia elettrica consumata. È stato, inoltre, ricavato un apposito spazio dedicato al riciclo dei rifiuti organici e per la produzione di compostaggio.

 

Questi principi possono essere applicati anche in una qualsiasi cucina. Basta scegliere gli elettrodomestici con attenzione, in particolare controllando sull’etichetta energetica la classe di appartenenza, che deve essere A o superiore. La presenza del marchio Ecolabel, inoltre, garantisce la qualità ecologica di questi prodotti.

Anche recuperare l’acqua piovana è un modo per rendere la propria casa più eco-friendly. Può essere impegnativo, ma permetterà di avere gratuitamente una quantità d’acqua da utilizzare per innaffiare le piante, pulire la casa ed eventualmente per il bucato. Ci sono veri e propri impianti per la raccolta e il riciclo di queste acque, ma per iniziare è sufficiente tagliare a metà una bottiglietta di plastica e assemblarla in modo da formare un imbuto, oppure sfruttare secchi e cisterne.

Per ridurre gli sprechi soprattutto nella produzione di acqua calda sanitaria, infine, una delle soluzioni è l’installazione di un pannello fotovoltaico che produca la quantità sufficiente per l’abitazione.

idee green per la casa 2    idee green per la casa

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...