Gubbio tra Natale e Capodanno: cosa fare e mete imperdibili

La prima volta che sono stata a Gubbio ero incinta, più o meno al sesto mese di gravidanza, pronta a festeggiare il Capodanno con amici che avevano uno o due figli a testa, di età compresa tra uno e 5 anni. Gubbio sotto Natale è ancora più magica, nonostante il freddo o forse proprio per questo. Poggiato sul fianco del Monte Ingino, l’albero di Natale più grande del mondo sovrasta benevolo l’intera cittadina: con una base di 450 metri, l’albero si estende per oltre 750 metri (circa trenta campi di calcio, come si legge sul sito www.alberodigubbio.com/). Le radici di questo albero, composto da corpi illuminati che regalano un effetto cromatico incredibile, affondano nelle mura della città per arrivare in alto, fino alla basilica di Sant’Ubaldo, il Patrono, che si trova in cima alla montagna. Altro punto di interesse da non perdere.

Continua a leggere “Gubbio tra Natale e Capodanno: cosa fare e mete imperdibili”

Isola d’Elba per grandi e bambini: traghetti, spiagge da visitare, attrazioni per bambini e folklore

Ricordo la prima volta che ho visto il suo profilo emergere dall’acqua. Se chiudo gli occhi ancora la vedo lì all’orizzonte: l’Isola d’Elba. Musica nelle cuffiette, io poco più che una ragazzina e quel breve viaggio dalla terraferma all’isola che mi aveva dato giusto il tempo per prepararmi a quello che sarebbe stato il primo di diversi weekend passati sdraiata sulle sue coste o a passeggiare tra i negozietti. Quando sono ripartita, infatti, sapevo dentro di me che non sarebbe stata l’ultima volta che mi sarei immersa in quelle acque cristalline. Così l’Elba è diventata, qualche anno più tardi, meta per “fughe romantiche” a due: l’isola può fare al caso di giovani coppie in cerca di relax, ma è anche molto adatta alle famiglie. Di attrazioni per i bambini, infatti, ce ne sono parecchie, senza dimenticare le spiagge incantevoli e ben attrezzate, che non a caso l’hanno resa una celebre meta turistica. 
Continua a leggere “Isola d’Elba per grandi e bambini: traghetti, spiagge da visitare, attrazioni per bambini e folklore”

Viaggio in Provenza con bambino: il nostro itinerario di una settimana (parte 2)

Continua il mio racconto sulla nostra vacanza in Provenza. Dopo aver parlato della nostra base ad Aix-en-Provence e delle tappe di Arles e Rousillon (trovate tutto qui) mi sembra d’obbligo concludere il mio resoconto passando alle altre città che ci hanno accolto, ovvero Avignone, Apt e L’Isle-sur-la-Sorgue.

Continua a leggere “Viaggio in Provenza con bambino: il nostro itinerario di una settimana (parte 2)”

Viaggio in Provenza con bambino: il nostro itinerario di una settimana (parte 1)

Aix En Provence

Atterriamo all’aeroporto di Marsiglia e già mi chiedo se non abbia fatto per caso una cretinata. Il primo viaggio all’estero, fuori dall’Italia, ad addirittura due ore di volo dal nostro pediatra di fiducia. Lieve panico.
“Siamo in Provenza – mi ricorda mio marito – non nella giungla o dall’altra parte del mondo. Con la macchina in mezza giornata massimo siamo in Italia. Rilassati”.

E’ solo che lui è così piccolo, ai miei occhi: 1 anno e 4 mesi. E poi c’è quella serie infinita di mamme che mi hanno pronosticato sciagura e iattura per la mia scelta di uscire fuori dai confini nazionali prima della maggiore età del pargolo, più o meno.
“Tanto – mi hanno detto – con la sfiga di noi mamme, gli verrà un febbrone da cavallo mentre siete nel mezzo del nulla”.
Invece alla fine tutto è andato bene e ora possiamo anche raccontarla serenamente, a beneficio di chi sia alla ricerca di informazioni su come organizzare un viaggio in Provenza in famiglia.

Continua a leggere “Viaggio in Provenza con bambino: il nostro itinerario di una settimana (parte 1)”

Vacanze in Sardegna: villaggio a misura di mamme e bambini

Al momento siamo in Sardegna, vicino Cagliari, in un villaggio turistico. Ebbene sì, io che ho sempre evitato i villaggi e l’animazione e ho sempre optato per le vacanze nomadi-fai da te, quest’anno non me la sono sentita. È stato un anno difficile, troppo. Ancora non mi sono mai fermata per parlarne ma c’è stato il trasloco, due mesi forzatamente a casa dei miei perché la nuova casa non era pronta, poi il nuovo lavoro (7 giorni su 7), poi l’asilo per la prima volta, quindi dopo quasi due anni senza malattie…sono arrivate tutte insieme! Pablito un giorno all’asilo e 5 a casa malato. Tutto intorno cambiava, il doppio lavoro del marito…insomma, quest’anno non avevo la forza per girare, scoprire, arrangiarmi.

Così ho optato per uno dei villaggi BluSerena, che avevo già provato due anni fa, quando Pablito aveva appena 4 mesi. In quel caso ero andata al villaggio Serenè, Reggio Calabria, stavolta ho optato per il CalaSerena. Se siete interessate a una vacanza davvero baby-friendly e non avete mai provato questa catena, cercate su internet, sono eccezionali. Parlo da mamma, non so come avrei reagito prima, da fidanzatina, a orde di bambini che corrono da un capo all’altro del villaggio.

Continua a leggere “Vacanze in Sardegna: villaggio a misura di mamme e bambini”