Bambini prodigio cavalcano surf e snowboard a 7 e 4 anni: semplici inclinazioni o un destino impresso nel DNA? [VIDEO Discovery Sport]

Jett ha 7 anni e cavalca le onde sul surf come né io né mio marito potremmo mai sperare di fare in tutta la nostra vita. Terjie Lamont, invece, è uno snowboarder d’eccezione ad appena 4 anni. Insomma, è poco più grande di mio figlio, che nel frattempo ancora deve capire come andare sulla bicicletta (senza pedali o con le rotelle, lui è ugualmente in difficoltà). Ok, ricordo a me stessa che non è giusto fare confronti, anche perché certe attitudini sono scritte nel nostro DNA, per come la vedo io. In alternativa, saranno necessari più impegno e “olio di gomito”, per raggiungere gli stessi livelli di chi è nato con una predisposizione naturale.

Continua a leggere “Bambini prodigio cavalcano surf e snowboard a 7 e 4 anni: semplici inclinazioni o un destino impresso nel DNA? [VIDEO Discovery Sport]”

Come ci si sente dopo il parto? La mia esperienza e la nostra #storiadiprotezione

Camici bianchi, codice rosso, pareti grigie, cielo azzurro che ancora si vede dalle finestre: ero in ospedale e il parto non stava decisamente andando come avevo immaginato fino ad allora. Niente, a dire il vero, stava andando come avevo previsto (qui il racconto di come sono andate le cose, per chi se lo fosse perso). Me l’avevano detto eh, intendiamoci. Al corso preparto, il gruppo delle mie amiche già madri, i libri che avevo letto, quelli scritti dagli esperti. Eppure una parte di me continuava a ripetersi che a ma non sarebbe accaduto.

Ricordo il giorno della sua nascita soprattutto per il dolore che ho provato, la paura, lo smarrimento. Poi è arrivato quel cesareo di urgenza e alla fine lui. Non ho avuto modo di stringerlo a me, come credevo, me l’hanno portato subito via dopo avermi fatto appena intravedere quella palletta grigia e arrabbiata che piangeva forte. “Questo è suo figlio, è nato alle 18,06”, mi hanno detto. Stop. Poi il sonno, mi sono addormentata mentre ancora i medici si davano un gran da fare sulla mia pancia.

Solo dopo alcune ore che sembravano interminabili ho potuto vederlo. Ma anche in quel caso, oltre a pensare che era un bel bambino ed era in salute, la mia prima preoccupazione è stata quella di allattarlo il prima possibile, farlo attaccare a quel seno che rifiutava. Ansia da prestazione, non stavo rispondendo al mio primo ruolo di madre, ovvero nutrirlo. I giorni in ospedale ero più concentrata su quell’aspetto che sulla mia creaturina.

Poi, finalmente, a casa. Ed è lì che è nato davvero mio figlio. E’ lì che è nata la mamma che è in me.

Continua a leggere “Come ci si sente dopo il parto? La mia esperienza e la nostra #storiadiprotezione”

Gatto consola il bambino che piange: il video virale

 Era da tanto che non condivido qualche video virale che mi ha fatto emozionare quindi mi prendo davvero pochi secondi per mostrarvi il video di seguito, in cui un gattino consola un bambino che non riesce a smettere di piangere.
Purtroppo noi non abbiamo ancora animali domestici a casa, visto che il pesce rosso non lo prendo in considerazione…anche se merita tutto il mio rispetto per essere sopravvissuto agli agguati che gli riserva Pablito.
Quando il nanetto crescerà abbastanza da potermi aiutare nella gestione e capire che gli animali non sono peluche, allora spero di poter far crescere la famiglia con qualche nuovo arrivato, intanto ecco il video in questione. Voi avete amici a 4 zampe in giro per casa? Qual’è il rapporto con i vostri figli?

20 motivi per cui i bambini sono la versione piccola (e carina) di adulti ubiarchi

Da quando ho aperto il blog ho usato tutto materiale mio, farina del mio sacco (purtroppo per voi) ma questa davvero non posso non condividerla: girovagando per la rete ho trovato un post bellissimo su un sito americano (BuzzFeed…I love it! lo trovate qui) che vado a tradurre solo per voi! Do completamente ragione agli autori: i bambini non sono altro che piccoli e graziosi adulti costantemente ubriachi! 🙂

1. Smetteranno di fare quello che stanno facendo per fare un pisolino. Non importa dove si trovino. Non importa con chi sono. (e basterebbe guardare questo video, da cui sono tratte le GIF qui sotto ^_^ ) 

in spiaggia: “voglio schiacciare un pisolino! Torniamo a casa?”
Papà: “no”
“Voglio schiacciare un pisolino…proprio qui, allora”

 

“Buonanotte”

2. fanno facce come questa:

 
tratto da reddit.com

Continua a leggere “20 motivi per cui i bambini sono la versione piccola (e carina) di adulti ubiarchi”