Raffreddore nei bambini: l’importanza del lavaggio nasale

Siamo ormai alle soglie dell’inverno, il conto alla rovescia è già iniziato e i primi acciacchi di stagione si sono già fatti sentire in qualche famiglia. E’ tempo di correre ai ripari. Vi ho già parlato dei possibili rimedi contro il mal di gola, ma è impossibile non tenere conto anche di un problema che tiene le mamme sempre un po’ sulle spine: il raffreddore e la pulizia del naso dei bambini.

Quando sono diventata mamma, 3 anni fa, non mi rendevo conto di quanto fosse importante aspirare con costanza il nasino e praticare continuamente lavaggi nasali per tutto il periodo invernale, ma ho imparato a mie spese che queste abitudini non devono essere sottovalutate.

Continua a leggere “Raffreddore nei bambini: l’importanza del lavaggio nasale”

Le 5 regole per salvaguardare la fertilità dei figli sin dall’infanzia: i consigli degli andrologi

Quasi la metà degli adolescenti ha almeno un problema andrologico: questa realtà allarmante, che a lungo termine può provocare infertilità maschile, è uno degli elementi alla base del progetto di prevenzione andrologica nell’età evolutiva che coinvolgerà anche i pediatri italiani e che sarà presentato dalla Sia, Società Italiana di Andrologia, al Congresso a Stresa, in programma dal 28 al 31 maggio.

Gli andrologi hanno tenuto ad elencare, tra le altre cose, una serie di attenzioni che i genitori possono riservare ai figli per salvaguardare la loro fertilità, riducendo così un fenomeno che nelle ultime due decadi ha raggiunto valori preoccupanti. Attualmente infatti, secondo quanto riportato anche dall’Ansa, il 40% dei casi di sterilità maschile sono causati dal varicocele e in Italia, nello specifico, circa 250-300.000 coppie sono costrette a scontrarsi con il problema dell’infertilità che, in quasi la metà dei casi, è dovuta a problemi dell’uomo.
Continua a leggere “Le 5 regole per salvaguardare la fertilità dei figli sin dall’infanzia: i consigli degli andrologi”

L’amore della mamma favorisce lo sviluppo del cervello del bambino

Dopo aver parlato di quanto possa nuocere ai bambini il fatto che il loro pianto venga ignorato o quanto siano controproducenti le sculacciate, finalmente arriva una buona notizia: viceversa, infatti, arriva la conferma del fatto che le mamme che sanno elargire a piene mani amore ai propri figli possono contribuire non solo alla loro sana crescita dal punto di vista affettivo, ma anche allo sviluppo del loro cervello.

A rivelarlo è stato uno studio della Washington University pubblicato su pnas.org (Proceedings of the National Academy of Sciences): sono stati presi in esame 127 bambini, osservati dall’età prescolare fino all’adolescenza, e sono stati sottoposti a diverse scansioni cerebrali. La cura che la mamma rivolgeva loro, invece, è stata osservata dal vivo o attraverso dei video.
Continua a leggere “L’amore della mamma favorisce lo sviluppo del cervello del bambino”

Sculacciate ai bambini inutili e dannose: i piccoli possono diventare più aggressivi e antisociali

Dopo aver allertato i genitori sui rischi derivati dall’ignorare il pianto del neonato (o, peggio ancora, scuoterlo) arriva un nuovo ammonimento per le mamme e i papà: il sistema più antico (e purtroppo anche il più gettonato) del mondo per mettere in riga i bambini, ovvero la sculacciata, non solo non aiuterebbe ad educare i piccoli ma, anzi, sarebbe anche un modo per favorire un loro atteggiamento di sfida nei confronti dei genitori, con il rischio di far sorgere nel piccolo comportamenti antisociali, aggressività, problemi di salute mentale e difficoltà cognitive. 

Continua a leggere “Sculacciate ai bambini inutili e dannose: i piccoli possono diventare più aggressivi e antisociali”

Gestire il pianto del neonato: i rischi dell’ignorare o scuotere il bambino

Negli ultimi giorni i giornali on line stanno ponendo sempre maggiore attenzione al pianto del bambino e ai rischi legati al fatto di ignorarlo o, peggio ancora, scuotere il piccolo. Penso siano notizie utili soprattutto per le mamme alle prime armi: nei primi mesi di vista di P. mi sono sentita molte volte ripetere “fallo piangere”. Ora ripensandoci credo che sì, forse avrei potuto resistere oltre, ma sono contenta di non aver dato ascolto a chi mi diceva di perseverare quasi a oltranza.

I rischi che possono derivare dal pianto prolungato sono cosa nota per molte mamme, ma non da tutte e per questo credo valga la pena ripeterli. Come riportato dall’huffingtonpost.it
Continua a leggere “Gestire il pianto del neonato: i rischi dell’ignorare o scuotere il bambino”