Fascia porta bebè: il babywearing fa tendenza

Finalmente un po’ di buona e sana informazione: ultimamente si sta tornando a parlare dell’importanza del portare i bambini in fascia. Sì, perché sembra essere diventata una vera e propria tendenza tra le nuove generazioni di genitori, anche se molte mamme blogger (io tra queste) professano da tempo la loro fede, in questo senso. Finalmente la gente si sta svegliando.

P. da quando è nato è stato sin da subito un bambino molto impegnativo, nel senso che non gradiva starsene buono nella sua culla, mentre altri (non molti) neonati accettano la cosa, magari non proprio di buon grado. Non so gli altri, ma il mio non smetteva di piangere e urlare finché non lo prendevo in braccio. Già sento nelle orecchie l’obiezione “eh, però tu non l’hai abituato…eh, però tu l’hai viziato” che mi fa tornare in mente la tortura psicologica e le pressioni che ho subito in quel periodo (ne ho parlato qui: Neonato vuole sempre stare in braccio). Com’è, come non è, il piccolo piangeva in continuazione e dopo un po’, per tenerlo vicino ma poter anche muovermi liberamente per casa, ho iniziato a usare la fascia porta bebè. Mai scelta fu più azzeccata e la benedico ancora. La mia esperienza, però, non basta a spiegare quanto sia importante la fascia, come più volte hanno sottolineato mie amiche più esperte di me. Quelle che riuscivano davvero a fare di tutto con la fascia e che magari le producevano anche.

Continua a leggere “Fascia porta bebè: il babywearing fa tendenza”