“Preparati!” – Guida pratica per neopapà. Venerdì del libro

 

L’ho regalato a mio marito mentre ero incinta e lui, come al solito, ha finito per farmi sentire una schiappa davanti a un secchione. Quando ci stavamo per addormentare, finiva spesso per uscirsene con cose come: “ma lo sai che il tipo di pianto del neonato si riconosce in base…”, “ma lo sai che per far addormentare il piccolo…”, “…che per stimolare la sua fantasia…”.
Insomma, da un lato ero compiaciuta dal fatto che si stesse impegnando così nel suo ruolo di futuro padre, dall’altro mi faceva sentire l’ultima della classe perchè nel frattempo io avevo lasciato i libri di puericultura per lanciarmi in letture frivole e divertenti tipo “Quello che le mamme non dicono” (geniale). Quindi mi sentivo come la “somara” di turno, anche se cercavo di giustificarmi col fatto che chi rischiava la pelle ero io e quindi era giusto che mi rintanassi in letture rilassanti.

Comunque.
Devo dire che la lettura è stata utile: in effetti il maritozzo ha messo in pratica un bel po’ di quei consigli, alcuni dei quali riporto qui di seguito a titolo di esempio, in modo fruttuoso e in ogni modo, dando un’occhiata ad alcuni capitoli, l’ho trovato anche molto scorrevole e simpatico.
Un modo semi-serio, ironico, per far avvicinare anche i papà a quel mondo che tanto gli fa paura, quello fatto anche di pianti incomprensibili di un nano che potrebbe non accorgersi della sua presenza anche per molti mesi, rubandogli oltretutto le attenzioni della mamma. Oltre che il suo seno.
Come fare per rendere l’avvento meno spaventoso e divertente e al tempo stesso far imparare qualcosa? (Dio, sembra che stia parlando di tanti bambini davanti a un programma educativo in tv…ma più o meno è così, non me ne vogliano i papà! Li adoro ma, avanti…siamo onesti! eheh)
Secondo me gli autori di questo testo ci sono riusciti e lo trovo un’idea regalo da consigliare: tecniche per favorire il sonno, come affrontare le coliche e gli sbalzi di umore della mamma, come alleviare i fastidi della dentizione, cose indispensabili da tenere in borsa (Dio non voglia che il padre abbia una folgorante illuminazione su qualcosa che la mamma stava per dimenticare…potrei svenire dalla gioia!). Sono solo alcuni dei temi che il libro tocca in maniera semplice, diretta e divertente.

…la crisi del primo mese…

TATTICHE PER PAPA’ PER NON CROLLARE SULLA SCRIVANIA DELL’UFFICIO

immagini e testo tratti da “Preparati!”

Dopo tante ore di sonno perduto per sempre, come fare a non crollare sul posto di lavoro? Ecco qualche consiglio tratto dal libro.
“Combinandone 4 o 5 dovreste farcela”, avverte l’autore.

1. Accendete le pale, l’aria fresca vi terrà svegli

2. usate i post-it per tutto (non fidatevi della vostra memoria!)

3. Caffè (che però disidrata) e integratori sportivi (per ripristinare il livello di elettroliti)

4. gomme da masticare (preferibilmente alla menta piperita o alla cannella, eccitanti naturali)

5. musica acuta e dissonante (prefette le cornamuse)

6. pausa ogni ora per salire una rampa di scale (serve a ossigenare il cervello)

7. barrette energetiche per pranzo (un pasto pesante facilita la sonnolenza)

8. pediluvi di acqua fredda (un po’ ridicolo ma fa miracoli)

9. Foto del bimbo sulla scrivania, per muovere gli altri a compassione se crollate sulla tastiera.

LETTURE SPORTIVE (sono sicura che questo è il passaggio che ha interessato di più mio marito…)

Tratto da “Preparati! – guida pratica per neo-papà”




“Gli esperti concordano: leggere ad alta voce ai bambini, anche se neonati, è un’ottima cosa. Udire il suono delle parole lette a voce alta aiuta il cervello del bimbo a costruire una mappa con cui assimilare e riconoscere le strutture fonetiche alla base del linguaggio.
(…)
Potreste scegliere di leggergli una rivista di sport, magari a colori. In questo modo:

  • Il bimbo rimarrà colpito dalle immagini. Generalmente le divise hanno forti contrasti cromatici, che stimolano la reazione visiva.
  • Potrete ammaliarlo con le vostre telecronache. Anzi, se ve la sentite potreste anche imitare la voce del vostro telecronista preferito.
  • Il piccolo apprezzerà l’enfasi con cui scandirete certi nomi stranieri
  • Scoprirete i retroscena di molte partite che non avete il tempo di vedere ( n.d.a. pare vero…almeno a casa mia c’è sempre tempo per le partite…), mantenendo una seppur minima continuità con la vostra vita precedente
  • Trasmetterete al piccolo il vostro entusiasmo per l’argomento. E se non siete appassionati di sport potete sempre leggergli una rivista di cinema, scienze o auto. n.d.a. cosa che io preferirei tanto!)

 

E con questo post torno con piacere a partecipare al “Venerdì del libro” di Homemademamma!

8 thoughts on ““Preparati!” – Guida pratica per neopapà. Venerdì del libro

  1. Molto interessante… molto spesso sono le mamme le protagoniste (dirette o indirette) dei libri che riguardano i bambini… ho anche in mente a chi potrei regalarlo, in questo periodo, un libro così.

    Mi piace

  2. esatto! per quello mi ha colpito in libreria: ero in dolce attesa, stavo comprando libri per me e poi ho pensato: hey, fermi un atimo…perchè solo io?!?! ma sapevo che se addolcivo la pillola con un po' di ironia era meglio! 🙂

    Mi piace

  3. …credo proprio di sì…io qualche consiglio l'ho rubato. Anche se non mamme mediamente siamo più resistenti serve anche a noi qualche escamotage, anzi…più di uno! 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...