Come organizzare le pulizie di Natale? 7 semplici suggerimenti e consigli per gli acquisti

La “crociata” contro le mie cattive abitudini continua. Non aspiro a diventare un incrocio tra Mary Poppins, Marie Kondo e Angelina Jolie, ma, some sapete, sto lavorando sui miei limiti. Ho scelto, prima di tutto, le aree su cui lavorare per migliorare e, tra queste, c’è l’organizzazione della casa. Detto questo…come le vogliamo affrontare le pulizie di fine anno?

Al di là del fatto che le nostre case si apriranno alle visite di amici e parenti, in vista delle festività natalizie, questo è l’unico periodo dell’anno in cui sono davvero contenta di riordinare e pulire la nostra “umile dimora”. Un po’ come per la tradizione giapponese (di cui sono innamorata e su cui vorrei conoscere sempre qualcosa di più), anche per me pulire a fondo prima del Capodanno significa anche togliere lo “sporco” dell’anno appena trascorso, anche metaforicamente.

Decluttering come se non ci fosse un domani, grandi buste riempite di vecchia roba da donare, vendere a qualche negozio dell’usato o buttare. Una casa pulita e pronta ad accogliere l’anno nuovo, insomma, tra nuovi acquisti e novità che, si spera, potranno migliorare almeno un po’ la nostra vita. Se non lo avete già fatto, vi consiglio la lettura della mitica Marie Kondo (96 lezioni di felicità) per iniziare gennaio con il piede giusto, con un “nido” che conservi in sé angoli pieni di gioia. Ho scoperto sulla mia pelle che è un buon metodo, anche se poi mantenerlo può essere difficile. Ma credo ne valga la pena.

COME ORGANIZZARE LE PULIZIE DI NATALE

Non ho ricette miracolose, ma posso dirvi come intendo organizzarmi io, che sono una fan devota del metodo Fly Lady, che alcune di voi già conosceranno. A chi volesse informarsi al riguardo, invece, consiglio di seguire la pagina Facebook italiana: FlyLady Italia (@flyladyitalia).

Seguire questo metodo mi ha insegnato a lavorare dentro casa a piccoli step, per zone/camere, con il timer sempre a portata di mano, a non pretendere di far tutto in un unico momento, ma anche a non procrastinare all’infinito. Prendermi il mio tempo sì, ma anche ottimizzarlo. Ecco come, alla luce di quello che ho imparato finora, ho intenzione di procedere:

  • Nei giorni precedenti alle feste, avere più cura del solito nel riporre le cose al proprio posto appena non servono più. Anche se un lavoro non è finito, mettere a posto il materiale necessario e riprenderlo in un secondo momento
  • Decluttering: liberarsi del superfluo, come ho scritto prima. Ogni giorno girare con un sacchetto della spazzatura (vi accorgerete di quante cose, in giro per casa, non vi servano più!).
  • Riordinare stanza per stanza, ogni giorno, poco per volta: non ridursi sempre all’ultimo momento, ma dedicare un po’ di tempo ogni giorno. Se non avete tempo per svuotare e sistemare armadi interi o cassetti, basta anche sistemare borse e cappotti solitamente lasciati in giro, i giocattoli, insieme ai bambini, lo zainetto della scuola appena tornati a casa e cose del genere. Mettete il timer: 15 minuti e via, poi stop. Dedicate il resto del tempo a voi e alla vostra famiglia, senza arrivare esaurite alla Vigilia. Potete anche fare più volte un breve “salva stanza” da 15 minuti, all’occorrenza
  • Allestire un angolo specifico della casa per impacchettare i regali. Un posto dove poter sistemare carta da pacchi, forbici, scotch e bigliettini senza ritrovarli sparsi ovunque nei giorni immediatamente precedenti al Natale
  • Non pensare di poter risolvere tutto ammassando tutto il disordine in un’unica stanza. Perché sarà proprio quella che vostro marito/compagno o i vostri figli decideranno di aprire per mostrare qualcosa agli amici…
  • Dedicarsi con cura e attenzione alla pulizia dei bagni, della cucina e, soprattutto, dei pavimenti, che sono ciò che salta più all’occhio degli ospiti e che, quando sono puliti, danno maggiormente l’idea di una casa in ordine e curata
  • Più o meno per lo stesso motivo, nei giorni precedenti alle festività, preoccuparsi di controllare che asciugamani e tovaglie siano puliti, per non trovarsi impreparate quando arriveranno gli ospiti. Se sono sporchi, basta dedicare al bucato un momento specifico la mattina e la sera, senza portar via troppo tempo al resto degli impegni
CONSIGLI PER GLI ACQUISTI PER LA PULIZIA DEI PAVMENTI: IROBOT ROOMBA
Per quanto riguarda la pulizia dei pavimenti, se siete amanti della tecnologia potete rivolgervi all’aiuto di elettrodomestici specifici come iRobot Roomba, il robot aspirapolvere che raggiunge la polvere anche nei punti più difficili, come gli angoli o sotto il divano, raccogliendo al tempo stesso anche peli di animali domestici, ostacoli in completa autonomia.

A volte, infatti, molte donne e mamme hanno la sensazione che il lavoro non finisca mai, che il bambino rovesci, quasi con più gusto, la scatola di cereali appena dopo che il pavimento è stato pulito. Per questo ben venga la tecnologia, che permette anche di controllare questo robot aspirapolvere da ogni luogo e in qualsiasi momento grazie a un’applicazione.

CARATTERISTICHE TECNICHE:

I Roomba serie 900 sono caratterizzati dall’Aeroforce Technology, fondamentalmente basata su tre fasi di lavoro:
1. Rimozione: lo sporco depositato viene rimosso da ogni genere di pavimento e dalle fibre dei tappeti e moquette
2. Estrazione: i doppi estrattori che ruotano in senso opposto sollevano lo sporco da ogni superficie
3. Aspirazione: il nuovo motore Gen 3 di Roomba ha una potenza aspirante fino a 10 volte superiore ai modelli precedenti.

Sul sito ufficiale potrete trovare ulteriori informazioni.

(post nato dalla collaborazione con iRobot®)

//content.jwplatform.com/players/oECR2cwV-PlYz4QDF.html

2 pensieri riguardo “Come organizzare le pulizie di Natale? 7 semplici suggerimenti e consigli per gli acquisti

  1. Eh….la speranza infatti, almeno qui, è impostare casa in modo tale che poi basti poco per sistemare/pulire tutto. Portarmi avanti con le lavatrici delle tovaglie, per esempio, mi aiuta…..quando non ero mamma (e quindi decisamente più funkazzista) si sono sprecate le volte che tiravo fuori la “tovaglia buona” e invece buona non era per niente ahahah o cose simili. Ogni giorno qualcosina…speriamo bene, ormai gestisco il tutto tipo militare! (Io….la stessa che aveva tutte le tovaglie macchiate quando arrivavano gli ospiti ahahah)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...