“Cambia il destino dei bambini in fuga dalla guerra” con un SMS o una telefonata

Finalmente riesco a fermarmi per tornare a parlare di solidarietà. L’organizzazione umanitaria INTERSOS, infatti, dal 15 settembre scorso ha lanciato a la campagna di raccolta fondi “Sogno la fine di un viaggio da incubo”, che durerà fino al 15 ottobre e che ha come obiettivo quello di realizzare INTERSOS24, un nuovo centro di accoglienza nella periferia est di Roma, aperto 24 ore al giorno, per minori stranieri non accompagnati. Si tratta di bambini e adolescenti costretti ad affrontare da soli il difficile viaggio lontano dalla propria casa e dal proprio paese di origine.

“Partono da casa che sono soltanto bambini e arrivano sfiniti nel corpo e nella mente. Hanno disturbi del sonno, dell’alimentazione, della personalità. Bisogna ricostruire la loro identità”, dichiara Valentina Murino, Child Protection Specialist di INTERSOS. Sono le decine di migliaia di bambini e adolescenti in fuga da guerre e violenze che INTERSOS protegge in 17 paesi del mondo. Come Reza, 12 anni, che ha viaggiato solo per 1 anno e ha segni di bruciature su tutto il corpo, o Rafael, partito dall’Eritrea qualche mese fa, senza dirlo a sua madre, per paura che le sue lacrime gli avrebbero fatto cambiare idea. Vuole raggiungere suo fratello che ha già ottenuto lo status di rifugiato in Svizzera.

Fino al 15 ottobre 2017 si può donare con un SMS o chiamata da rete fissa il 45525, per aiutare a realizzare INTERSOS24, una struttura che a Roma (in via di Torre Spaccata), a fine lavori dovrebbe essere in grado di ospitare fino a 60 ragazzi, con porte aperte 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, e  un ambulatorio medico al suo interno a cui potranno rivolgersi anche i romani in difficoltà, in modo da contribuire ad una vera integrazione.

Nell’ambulatorio saranno presenti specialisti in ginecologia, pediatria e malattie infettive, che effettueranno sia prestazioni inerenti alla propria specializzazione clinica che assistenza medica di base e orientamento ai servizi sociosanitari.

“INTERSOS24 sarà il luogo dell’ascolto, del racconto della propria storia, dei propri sogni, ed anche della richiesta di aiuto, per ricevere informazioni e orientamento”, spiega Valentina Murino, Child Protection Specialist di INTERSOS. INTERSOS24 consentirà, dunque, ai minori in transito per Roma di essere accolti in modo dignitoso e di poter avere tutte le informazioni necessarie per costruire consapevolmente il proprio
futuro.

UN SMS O UNA CHIAMATA DA FISSO AL 45525 PUÒ CAMBIARE IL DESTINO DEI BAMBINI IN FUGA DALLA GUERRA.

Aggiungerei che il costo è davvero minimo (alla fine del video promozionale troverete info utili), ma partecipando numerosi possiamo fare la differenza. Di seguito anche maggiori informazioni sull’attività di INTERSOS in Italia.

Cosa fa INTERSOS in Italia

Oltre alle attività che INTERSOS svolge per i minori nei paesi in cui è presente (trovi qui la lista), lavora in Italia dal 2016 ed è presente al momento in differenti regioni, interviene in diversi settori della CHILD Protection, nello specifico nel settore della salute, con particolare attenzione al supporto psicologico.
INTERSOS ha in questo anno ha consolidato le sue operazioni in Italia nel supporto delle popolazioni migranti e svolge le seguenti attività:

  • Presenza continua con il Child Protection Early Support teams sulle navi della Guardia Costiera durante le operazioni di salvataggio nel Mar Mediterraneo.
  • Presenza diffusa in Sicilia, nelle province di Palermo, Trapani e Agrigento, dove ha al momento attivo un programma integrato con UNICEF per migliorare e aumentare gli standard di accoglienza per i minori non accompagnati nei centri di accoglienza
  • 3 Team Mobile per mappare, in partenership con UNICEF, i minori straniti non accompagnati presenti in Sicilia e in Calabria.
  • Il progetto finanziato dal Fondo Asilo Migrazione Integrazione, FAMI, (Unione Europea) a Crotone, per migliorare i servizi sociali e sanitari per i migranti presenti nell’area ionica.
  • Il nuovo centro INTERSOS24, nato dalla necessità di ingrandire il vecchio centro notturno A28 per i minori in transito. Dall’11 Ottobre aprirà le sue porte non solo ai minori non accompagnati ma anche a donne in stato di necessità. Il centro, aperto anche di giorno darà supporto al lavoro e svolgerà attività di integrazione.
  • INTERSOS24 avrà anche al suo interno un ambulatorio medico aperto a tutti. L’ambulatorio diventerà punto di riferimento per la salute in collaborazione con la ASL di Roma un associazione di medici volontari.
  • INTERSOS è presente a Ventimiglia e a Como, città di passaggio per i minori in cui sono più esposti
    ai pericoli.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...