Come organizzare i giocattoli in 6 facili mosse (dopo Natale, ma non solo…)

E’ trascorsa qualche settimana dal Natale e dall’Epifania e forse vi siete già occupate delle pulizie che inevitabilmente seguono le feste natalizie. O forse no. Forse avete già fatto spazio, prima che il Natale arrivasse, ai nuovi giocattoli che sarebbero giunti in dono, perché siete mamme super-organizzate ed esperte, ma se siete capitate su questo post potreste, invece, essere in cerca di ispirazione per mettere tutto in ordine dopo l’ondata di regali portati da amici, parenti, Babbo Natale e Befana. Ecco perché mi trovo a scrivere oggi di un argomento che, comunque, è utile tutto l’anno (noto che lo spazio a disposizione per i giocattoli sembra sempre troppo poco un po’ per tutte, soprattutto dopo avvenimenti speciali)

Ora il nano ha quasi 5 anni e ovviamente, rispetto ai Natali passati, la mole di giocattoli è drasticamente aumentata. Se i primi due anni siamo riusciti a cavarcela con qualche kit di Play-Doh, pochi peluche (il piccolo non li ama molto) e qualche scatola di Duplo, ormai i Lego, macchinine, giochi da tavolo, bambolotti e pupazzetti vari hanno cercano di invadere ogni spazio di casa dopo aver già quasi fatto scoppiare la sua (piccola) cameretta. Era tempo di trasformarmi in una mamma “di-quelle-serie” e dare una sistemata, stavolta in modo quasi scientifico, anche perché di spazio a disposizione, in casa, non ne abbiamo molto e tocca cavarcela in stile Tetris. Alla fine ne sono uscita viva e, anzi, il piccoletto è stato molto contento di rientrare a casa dopo una giornata a scuola e ritrovare tutto sistemato in modo nuovo, più funzionale, e di riscoprire anche giochi vecchi che aveva dimenticato e che ho messo in risalto insieme agli “ultimi arrivati”.

Come sistemare i giocattoli dei bambini (dopo Natale, ma non solo) in 6 mosse

  1. Scegliere cosa rimane e cosa va via

Forse la parte più difficile, ma comunque ce la possiamo fare. Basta munirsi di almeno due buste/scatole utili per separare le donazioni dalla spazzatura. Il giocattolo non è più utilizzato da tempo, ma è comunque in buono stato? Può essere donato in beneficenza o agli amici più bisognosi. Nel mio caso di solito regalo tutto all’asilo, dove i giocattoli ancora funzionanti sono sempre ben accetti e sostituiscono quelli ormai consumati dalle classi dei bimbi. Ma se avete informazioni su enti di beneficenza o ospedali (da quello che so io, però, in questo caso i giocattoli devono essere nuovi, di base…) o qualsiasi altro istituto che può essere interessato, vi prego di citarlo nei commenti.

come sistemare i giochi dei bambini dopo Natale

Il giocattolo non solo non è stato più preso in mano dai vostri piccoli da mesi/anni, ma è anche rotto o in pessimo stato? Forse la spazzatura è l’unica soluzione.

Ci sono giocattoli inutilizzati che, però, hanno un valore simbolico? Noi abbiamo una sorta di “scatola dei ricordi” dove possiamo tenerli. Considerate che io ho ancora molti dei miei giocattoli degli anni ’80, quindi (alla faccia del decluttering, che pure amo), cerco sempre di salvaguardare pezzi preziosi che tra anni potranno ricordarci i nostri giorni felici.

Ogni mamma fa a modo suo a seconda del figlio che ha: c’è chi coinvolge il bambino nella scelta dei giocattoli da regalare e quelli da buttare, chi invece opera questa selezione “alle spalle” dei piccoletti, che forse hanno la memoria corta e non se ne avranno a male. Nel mio caso, preferisco sempre parlarne con il piccolo, visto che mia madre non lo faceva con me e io ero di quelle bambine che ricordava ogni singolo pezzo che aveva in cameretta (quindi soffrivo), ma ammetto che ogni volta mi aspetta un battibecco con il pupo, che non donerebbe neanche una spilla ad altri bambini. Occasione in più per ripassare la lezione sull’altruismo, la generosità e la condivisione. Ammetto, però, di aver anche operato scelte quando lui non era presente, se ritenevo che il suo attaccamento a un giocattolo fosse solo egoismo di un 4enne e non realmente giustificato da un motivo. Tenerli lì a prendere polvere mi faceva soffrire e, in effetti, lui certe cose scomparse durante la sua assenza neanche le ha mai richieste e non se ne ricorda. Forse per via della sua età molto giovane.

 

2. Rimuovere i giocattoli dalle loro scatole, quando possibile

Per ciò che abbiamo deciso di tenere, meglio eliminare le scatole appena possibile, riducendo molto l’ingombro. A questo proposito, io tengo le buste per la differenziata a portata di mano, in modo tale da poter velocemente dividere carta, plastica ecc. senza correre da una parte all’altra di casa (che tra l’altro è su due piani, vi lascio immaginare…). Per Lego e tutto ciò che necessita di istruzioni, queste possono essere conservare tutte insieme in un cassetto o in una scatola. Anche in questo caso, ho riciclato una bellissima scatola in cui mi è stato regalato un cappello, per esempio. E’ capiente e si è dimostrata utilissima.

3. La santa regola della rotazione

I nuovi giocattoli ruberanno molta attenzione a quelli più vecchi, quindi ho seguito i consigli dei genitori-senior e ho notato che togliendo di torno, per un po’, i vecchi giochi per far spazio agli ultimi arrivati, non solo guadagnavo spazio, ma davo anche una seconda/terza gioventù ai giocattoli più vecchi facendoli ricomparire a tempo debito, quando per il mio bambino un po’ smemorato erano tornati ad essere una novità anche quelli. Insomma: la rotazione fa sempre miracoli.

4. Le scatole non bastano mai

idee per sistemare i giocattoliNon solo quelle che si possono trovare nei negozi di articoli per la casa, ma anche quelle riciclate: ad esempio, la confezione dei Ferrero Rocher, che ci hanno regalato proprio a Natale, è preziosa per raggruppare macchinine, pupazzi di Lego o sorpresine degli ovetti di cioccolata (di cui la calza della Befana era piena, lo sappiamo…).

Ad esempio, ho potuto anche riciclare un vecchio porta trucco abbastanza ingombrante che non usavo più per ordinare tutti i cd di mio figlio (che per avere neanche 5 anni ha buoni gusti musicali, ammetto di essere particolarmente fiera di lui!). In questo senso, i trucchi imparati seguendo le indicazioni della cara Marie Kondo  tornano sempre utili: circondiamoci solo di ciò che da felicità a noi e alla nostra famiglia e ricicliamo ciò che decidiamo di conservare e che può dimostrarsi più utile del previsto.

20180107_151613

Le scatole di plastica “commerciali”, invece, qui sono state particolarmente utili per archiviare tutto in modo ordinato (peluche con peluche, Duplo con Duplo…) e comode da inserire nell’armadio, dove ho riposto, come dicevo prima, sia i giocattoli meno usati da far comparire in futuro sia quelli del passato che, però, vogliamo conservare anche se ormai l’età giusta per apprezzarli è passata.

5. Non rimandare donazioni e spazzatura

Come ho detto parlando di cambio di stagione per/con i bambini, le scatole o buste delle donazioni/regali/spazzatura vanno caricate in macchina appena possibile, pronte per essere lasciate al primo momento utile senza correre il rischio di ritrovarsela in mezzo alla casa per giorni e settimane.

6. Ogni cosa al suo posto

Facciamolo sin da subito, almeno per impostare bene tutto prima che arrivi il “tornado” in casa 🙂 e io, con il mio, ne so qualcosa. Se da un lato sento la necessità di dovergli allontanare qualche gioco che non usa più per la “regola della rotazione”, dall’altro sento anche di doverlo rendere autonomo, creando per lui una sorta di schema in cui sappia dove trovare le cose e dove rimetterle in ordine. Così c’è la scatola dei puzzle e dei Play Doh, quella con i bambolotti e i vari accessori, l’angolo per i Lego, la scatola con spade, scudi e maschere per giocare al combattimento con gli amici, quella con i colori o con gli strumenti musicali (almeno quelli piccoli). Al momento il metodo funziona anche col mio riccioletto, con tutto che è uno scalmanato, ormai lo sapete…

idee per sistemare i giocattoli dopo Natale

Spero di aver dato qualche idea utile o la motivazione per mettere tutto in ordine senza perdere la speranza 🙂 per il resto, una volta sistemato tutto non rimane che lasciare posto al divertimento, tra i giocattoli vecchi e quelli nuovi!

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...